mercoledì 22 giugno 2016

MERCATINO DEI QUARTIERI


Nel prossimo Consiglio Comunale di lunedì 27/06/2016 ore 18:30 presenteremo una Mozione per la costituzione di mercatini  per il baratto e/o la vendita di beni usati sul territorio comunale. L’obiettivo primario del mercatino è  la diffusone della cultura del riuso e la valorizzazione delle risorse, prima che diventino rifiuti, favorendo la cultura del recupero, evitando lo spreco di risorse in una precisa ottica di economia ecosostenibile e, anche quale strumento per stimolare i rapporti sociali tra le persone, promuovendo il nostro territorio e la vita dei quartieri.



Di seguito la mozione che presenteremo nel prossimo Consiglio Comunale di Lunedì 27/06/2016


















MoVimento Cinque Stelle
 Schio Schio 06/06/2016
  Al Signor Presidente del Consiglio Comunale di Schio
 Al Signor Sindaco del Comune di Schio



MOZIONE 
( Ai sensi dell'articolo 29 del R.f.C.C.)


OGGETTO: Costituzione di mercatini per il baratto e/o la vendita di beni usati sul territorio comunale


 Visto che:

 ● Stiamo vivendo una crisi economica e occupazionale senza precedenti e che non sembra finirà nel breve periodo. Il MoVimento cinque stelle Schio propone l’iniziativa denominata “Mercatini itineranti di quartiere dell’usato” come sistema etico­-sociale nella salvaguardia dell’ambiente e del territorio;

 Considerato che: 

● Il baratto e/o la vendita conferisce all’oggetto usato una seconda vita, fino all’effettiva usura e che, la pratica del riuso promuove stili di vita virtuosi, favorendo il risparmio energetico.
 ● L’obiettivo primario del mercatino è lo scambio, il riutilizzo e riciclo di oggetti, favorendo la cultura del recupero, evitando lo spreco di risorse in una precisa ottica di economia ecosostenibile e di solidarietà sociale.
● La pratica del riutilizzo è da intendersi anche quale strumento per stimolare i rapporti sociali tra le persone e, un richiamo utile a promuovere il nostro territorio e la vita dei quartieri.

 Ritenuto opportuno, allo scopo di creare una base iniziale dei lavori, allegare alla presente una bozza di regolamento, non vincolante, tratta dal regolamento del Comune di Verona.


SI IMPEGNANO SINDACO E GIUNTA

 ● di predisporre, coinvolgendo i consigli di quartiere, specifico regolamento che disciplini i presupposti, le condizioni e le modalità in ottemperanza con le norme di legge al fine di favorire la diffusone della cultura del riuso e la valorizzazione delle risorse, prima che diventino rifiuti. Grazie dell'attenzione e distinti saluti.

 Gruppo Consiliare MoVimento Cinque Stelle Schio
 Consigliere Marco Vantin











lunedì 13 giugno 2016

ANALISI DEL SANGUE SUI PFAS

Il Movimento 5 Stelle invita i veneti che sono stati sottoposti alle analisi del sangue a farsi avanti. Berti: “Siete contaminati? Contattateci, tuteleremo la vostra privacy e il vostro aiuto sarà fondamentale per combattere questa drammatica emergenza”

Giu 9th, 2016 | By  | Category: Cronaca/PoliticaPrima Pagina
Jacopo Berti - Movimento 5 Stelle
Jacopo Berti – Movimento 5 Stelle
I consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle lanciano un appello ai cittadini veneti che sono stati sottoposti alle analisi del sangue sui Pfas: “Se siete contaminati – dicono il capogruppo Jacopo Berti e il consigliere regionale Manuel Brusco – contattateci”.
Il Movimento 5 Stelle è da tempo in prima linea sulla vicenda dei Pfas ed è l’unico soggetto politico che finora ha trasformato la propria attività in esposti alle Procure del Veneto.
“Siete in 507 in tutto il Veneto ad aver fatto le analisi per verificare la presenza dei Pfas nell’organismo – sottolinea Berti – e per quantificare la concentrazione di queste sostanze nel sangue. Purtroppo la Regione Veneto non vuole darci i risultati con la scusa della tutela della privacy, nonostante la nostra richiesta non prevedesse di fornire nomi e cognomi ma solamente età e luogo di residenza”.
“Conoscendo la grave situazione ambientale e probabilmente sanitaria causata dai Pfas e vista la contrarietà della Regione Veneto nel fornirci le analisi gli fa eco Brusco – vi chiediamo di farvi avanti”.
Ecco l’appello del Movimento:
Se sei contaminato CONTATTACI per mostrarcelo attraverso tue analisi: ci incontreremo nella massima riservatezza e non divulgheremo in alcun modo i tuoi dati personali.
Scriveteci a cinquestelle@consiglioveneto.it
“Unitevi a noi – concludono i due esponenti M5S – per combattere chi ha inquinato”.
Ecco il link al video dei due consiglieri.

venerdì 3 giugno 2016

BANCHETTO RACCOLTA FIRME





SABATO 04 GIUGNO 2016 DALLE 9,00 ALLE 12,30 GLI ATTIVISTI DEL M5S SCHIO SARANNO PRESENTI AL MERCATO CITTADINO, IN PIAZ. GARIBALDI(USCITA GALLERIA LANDSHUT) CON UN BANCHETTO PER RACCOGLIERE LE FIRME PER IL REFERENDUM COSTITUZONALE, SCUOLA, INCENERITORI, ITALICUM. POTETE INOLTRE VENIRE A CHIEDERE INFORMAZIONI E COMUNICARCI EVENTUALI PROBLEMATICHE DEL TERRITORIO.
www.schio5stelle.it

giovedì 2 giugno 2016

#5giornia5stelle 80° puntata, 27 maggio 2016




Il progetto più grande del MoVImento 5 Stelle? La democrazia diretta: e questa settimana è stato fatto un altro enorme passo in quella direzione. Nella piattaforma Rousseau si è inaugurata una nuova sezione, quella in cui gli iscritti possono proporre le loro leggi ai parlamentari. Non più solo la discussione di leggi scritte dai portavoce quindi, ma anche il contrario: i cittadini propongono una legge, che viene discussa e approvata online, e poi portata dai portavoce in Parlamento. E’ la prima volta al mondo, è il MoVimento 5 Stelle che prosegue il suo cammino.
Continua anche il nostro impegno per il taglio dei costi della Casta. I capogruppo Camera e Senato, Castelli e Lucidi, hanno presentato ufficialmente al Presidente Grasso la proposta di Legge M5S per il taglio degli stipendi parlamentari. Il grande successo dell’iniziativa del microcredito (1800 nuove aziende) sta convincendo molti della bontà dell’iniziativa.
Intanto anche il governo è all’opera, ma nel continuare a smantellare i diritti dei cittadini. Sara Paglini al Senato denuncia l’obbrobrio combinato con la legge “Dopo di noi” che in teoria avrebbe dovuto proteggere i disabili e invece annulla il diritto alla salute e alla protezione.
In aula alla Camera Tiziana Ciprini e Alessandro Di Battista chiedono invece conto al governo del fallimento del Jobs Act, che finiti gli incentivi vede ora un crollo dell’occupazione in tutto il Paese come certificato dall’Istat. 
Da Bruxelles, il M5S combatte ancora contro la concessione di status di “economia di mercato” alla Cina. E il MoVimento non è da solo: oltre il 91% dei partecipanti al sondaggio ufficiale dell’EU hanno espresso il medesimo NO. La battaglia continua.
Tornando a Montecitorio, i nostri portavoce Gallo, Vacca, Chimienti e Brescia denunciano un altro fallimento: quello della cosiddetta “Buona Scuola”. I nostri bambini continuano a frequentare scuole sporche ed insicure, i servizi continuano ad essere esternalizzati alle coop, dove sono finite le “Scuole Belle” tanto sbandierate sui giornali?
Di nuovo a Bruxelles, il M5S presenta la mozione di censura del M5S contro gli interferenti endocrini, sostanze chimiche nocive. Molto combattiva la denuncia del nostro Piernicola Pedicini, che non guarda in faccia nessuno: la UE continua ad ignorare il problema e tutti i partiti continuano ad ignorare il problema, compresi i Verdi capaci solo di belle parole ma che al dunque appoggiano sempre  le lobby più potenti, e compresi Podemos e il Gue.
Alla Camera è arrivata una riforma, anzi una “deforma”: quella del Terzo Settore, ovvero coop e associazioni. Potete immaginare la bontà di una legge che va a regolamentare le attività in cui eccellono certi “amici” del PD: insomma, un’impresa sociale che di sociale ha ben poco, come sottolinea Giulia Di Vita.

Clicca qui! Scarica, stampa e diffondi il magazine che racconta ogni settimana tutto quello che succede in Parlamento, e che la TV non dice!

5giornia5stelle va in onda anche su TeleAmbiente - visibile sul canale 78 del digitale terrestre a Roma, Pescara e Perugia e sul canale 218 a Milano - a questi orari: Lunedì 15:30, Martedì 03:30 - 9:30, Mercoledì 12:40 - 9:30, Giovedì 03:00 - 13:30, Venerdì 21:50, Sabato 20:00, Domenica 18:10
user-pic
 

venerdì 27 maggio 2016

Discarica Melagon di Asiago


Discarica Melagon di Asiago: la Regione istituisce una commissione allertata dal Movimento Cinque Stelle. Brusco: la discarica va chiusa definitivamente e messa in sicurezza

Di Redazione VicenzaPiù  Venerdi 20 Maggio alle 09:04 
AddThis Sharing ButtonsMovimento 5 Stelle Veneto
La Regione, a quasi un mese dagli allarmi lanciati dal Movimento 5 Stelle sui pericoli legati alla discarica del Melagon sull’Altipiano di Asiago, corre ai ripari e costituisce una commissione per monitorare la situazione. “Mi fa piacere che ora si parli anche della discarica del Melagon - sottolinea Brusco - serviva ancora una volta che il Movimento 5 Stelle smuovesse le acque. E dire che la Regione del Veneto è da vent'anni che conosce la problematica connessa alla conformazione geologica epicarsica dell'Altopiano di Asiago, e nonostante questo ha autorizzato la realizzazione della grande discarica del Melagon”.
“A questo punto la discarica va chiusa definitivamente e messa in sicurezza – avverte il consigliere - la settimana scorsa la stessa discarica presentava la mancanza di teli di copertura di sicurezza che dovrebbero far defluire l'acqua piovana, probabilmente rimossi dal vento che tira sull'Altipiano”.  Brusco ribadisce come debba essere creata una copertura ermetica per impedire che la potenziale bomba ecologica del Melagon imbarchi acqua piovana, che diventerebbe percolato, e per evitare che la discarica costituisca un serio pericolo in caso di crollo del terreno e di conseguente inquinamento del bacino dell'Oliero. “Ricordiamoci che proprio in prossimità del luogo in cui insiste la discarica sono presenti alcuni abissi di elevata profondità che conducono direttamente al bacino dell'Oliero, uno dei più importanti del nostro continente. Probabilmente anche sotto alla discarica potrebbe essere collocato un abisso di questo tipo, come era evidenziato già da tempo nella relazione prodotta dal gruppo speleologico veneto – spiega l’esponente veronese del Movimento - Inoltre gran parte di queste aperture sono state occluse, in maniera illegittima e impedendone lo studio, oltre ad aver tenuto lontano il gruppo speleologico dallo studio di questo fenomeno”. 
La Lr. 54 del 1990 prevede infatti che sia vietata l'occlusione degli ingressi delle cavità carsiche, come invece è avvenuto.  “A dire il vero la stessa legge vieta anche la realizzazione di discariche in luoghi soggetti a carsismo – si rammarica Brusco - gli abissi Rolling Stone e Tequila Bum Bum che sorgono in prossimità della discarica autorizzata da 2001 erano accatastati dalla Regione Veneto già dal 1998. C'è inoltre da tenere in considerazione il rischio sismico cui quest'area, come gran parte del nostro territorio nazionale, è assoggettato. Basterebbe una scossa evidentemente a far crollare la volta di sostegno che sta sotto alla quantità di rifiuti e creare un danno ambientale. E' importante ora agire per salvaguardare la grande quantità d'acqua che giace sotto l'altipiano e che rifornisce gran parte del territorio della nostra regione, alimentando anche il fiume Brenta”.
“Bene che venga istituita la Commissione Speciale per l'Altipiano – conclude il consigliere - ma mi auguro che non si realizzi un secondo caso PFAs. Serve gente competente che conosca il territorio e la speleologia dei luoghi, in modo da portare alla luce in tempi rapidi un problema che già era evidente da molto tempo alla Regione Veneto”.

Fonte:http://provincia.vicenzapiu.com/





SABATO 28 MAGGIO 2016 DALLE 9,00 ALLE 12,30 GLI ATTIVISTI DEL M5S SCHIO SARANNO PRESENTI AL MERCATO CITTADINO, IN PIAZ. IV NOVEMBRE(USCITA GALLERIA LANDSHUT) CON UN BANCHETTO PER RACCOGLIERE LE FIRME PER IL REFERENDUM COSTITUZONALE, SCUOLA, INCENERITORI, ITALICUM. POTETE INOLTRE VENIRE A CHIEDERE INFORMAZIONI E COMUNICARCI EVENTUALI PROBLEMATICHE DEL TERRITORIO.
www.schio5stelle.it

lunedì 16 maggio 2016

#stopconsumodisuolo: ecco la legge del Pd che aiuta i palazzinari


Schermata 2016-05-12 alle 17.53.17.png

Un'occasione persa, un ennesimo favore alle lobby, uno dei tanti esempi che la maggioranza a parole dice una cosa e con i fatti agisce in senso contrario. Ecco che cos'è la legge sul consumo di suolo che la Camera ha approvato oggi.
Con la legge sullo stop al consumo di suolo volevamo mettere un freno e bloccare la cementificazione selvaggia ed inutile del nostro Paese. Come al solito, cercare di trovare una soluzione con la maggioranza è stato inutile.
Dall'alto sono calate le modifiche e sono state inserite norme per cementificare più agevolmente le aree agricole.
«Siete riusciti a trasformare la legge che oggi votiamo in una legge che incentiva il consumo di suolo agricolo e deregolamenta la disciplina urbanistica per intere sezioni delle nostre città che definite aree di rigenerazione urbana», ha detto Massimo De Rosa nella sua dichiarazione di voto finale.
Il M5S ha votato no.
Non ci stiamo a una legge che nel titolo dice una cosa e poi prevede l'esatto contrario.

«Ci è stato detto in Aula che dovremmo rileggerci la legge - risponde al Pd Massimo De Rosa - non è il Movimento Cinque Stelle che deve rileggersi la legge e capirla. Le associazioni ambientaliste e Salviamo il Paesaggio hanno fatto critiche analoghe alle nostre. Le questioni sono due: o il movimento di cittadini e la società civile non capiscono nulla oppure la maggioranza ha portato avanti una legge negativa per tutto il Paese».
«Ci avete già tolto i risparmi, la sanità, volete toglierci la casa. Volete toglierci il diritto di respirare, volete trasformare l'acqua in un bene privato e ora cercate anche di toglierci la terra da sotto i piedi. Il Movimento Cinque Stelle farà di tutto per impedirvi di portare a termine questa ennesima presa in giro, questo ennesimo slogan utile solo alla vostra propaganda, ma che continua a mettere a rischio la vita delle persone. Per questo vi invito a stare attenti, vi dico di fare attenzione. Attenzione perché il suolo è un bene comune, è di tutti, e la terra, da sotto i piedi, potrebbe franare prima a voi».
user-pic