giovedì 13 agosto 2015

COMUNICATO STAMPA


PUBBLICATO IL POSITION PAPER DI ISDE ITALIA
SULLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

Comunicato stampa
Arezzo, 12 Agosto 2015


L’Associazione dei Medici per l’Ambiente – ISDE Italia ha rilasciato le Linee Guida elaborate sullo smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani (RSU). Il documento è liberamente fruibile sul sito www.isde.it
Coerentemente con quanto stabilito dall’UE e recepito, almeno formalmente, dal nostro Paese, viene riproposta la gerarchia dello smaltimento dei RSU: prevenzione; preparazione per il riutilizzo; riciclaggio; recupero di altro tipo, per esempio il recupero di energia; smaltimento.
Il documento affronta in particolare il problema dell’incenerimento dei rifiuti – con le relative implicazioni energetiche ed economiche – che, ad onta delle indicazioni europee, viene invece sempre più incentivato dalle nuove norme italiane in materia. A tal proposito, con il supporto della letteratura scientifica internazionale, ISDE Italia giudica questa pratica, non soltanto antieconomica, ma anche assai pericolosa per la salute dei cittadini.
Ugualmente esplicitate le perplessità dell’Associazione sul conferimento in discarica dei materiali post-consumo, fonte di spreco di risorse e segnale evidente dell’incapacità di tante Amministrazioni pubbliche ad affrontare adeguatamente il problema.
ISDE auspica che i Decisori politici, e gli Amministratori in genere, possano assumere adeguate conoscenze e competenze che porti ad un inquadramento normativo per lo smaltimento dei RSU realmente in sintonia con gli interessi sociali, economici e sanitari delle Comunità.



Per informazioni e comunicazioni:

Associazione Medici per l'Ambiente - ISDE Italia
Via della Fioraia 17/19 - 52100 Arezzo
Tel. 0575-22256, Fax 0575-28676
Web
www.isde.it, E-mail isde@ats.it
Facebook
https://www.facebook.com/isdeitalia

sabato 1 agosto 2015


   Fonte: Il giornale di Vicenza

COMUNICATO STAMPA



  LISTA CIVICA MOVIMENTO CINQUE STELLE SCHIO
  mail: info@schio5stelle.it   
  Web: www.schio5stelle.it 
  Tel: 377 2511818









Schio, venerdì 31 Luglio 2015

OGGETTO: INSERIMENTO ULSS 4 NEL REGISTRO TUMORI VENETO

 Finalmente ci siamo, parte l'iter per essere inseriti ufficialmente nel Registro Tumori del Veneto. Siamo soddisfatti per questo risultato frutto della nostra prima azione con una mozione presentata a settembre e approvata all’unanimità nel consiglio Comunale del 08/09/2014. Un percorso cominciato con la raccolta firme e terminato con l’ambiente e salute tour. Con la presente il Movimento 5 stelle Schio ringrazia pubblicamente tutti i cittadini scledensi che hanno voluto manifestarci il loro consenso firmando la petizione. Un doveroso ringraziamento al Direttore Generale dell’Ulss 4 che ha portato avanti le nostre istanze in tutte le sedi. Il registro Tumori rappresenta uno strumento fondamentale nella registrazione dell’incidenza dei tumori, e per indagare se determinate neoplasie sono più diffuse in luoghi critici dal punto di vista dell’inquinamento ambientale e se esiste una correlazione tra l’esposizione a determinate sostanze inquinanti e l’insorgenza della neoplasia. Tutto questo al fine di avviare una vera campagna di Prevenzione della malattia oncologica, obiettivo cui purtroppo sono destinate scarsa attenzione e risorse. Nelle prossime settimane L’Ulss 4, trasferirà i dati già in possesso secondo il sistema delle anatomie patologiche; comunque resteremo vigili per controllare che i dati siano pubblicati quanto prima, e che siano visibili ed accessibili ai cittadini sul sito istituzionale dell’Ulss.

 MOVIMENTO 5 STELLE SCHIO

giovedì 30 luglio 2015


Registro_Tumori
Nella sede padovana del Registro Tumori del Veneto, alcuni dirigenti e funzionari dell’Ulss 4  hanno incontrato i dirigenti del Registro Tumori del Veneto per programmare le tappe dell’adesione al Registro per i cittadini residenti nell’Ulss 4, in esecuzione della decisione regionale di estendere il Registro anche all’azienda sanitaria altovicentina.
L’adesione dell’Ulss 4 al Registro Tumori del Veneto era stata recentemente sollecita da alcuni Comuni del territorio ed era stata richiesta dall’Ulss 4 già da dieci anni. “L’Ulss 4 – spiega il Direttore Generale Daniela Carraro – dispone già nei propri archivi in uso di dati di buona qualità che sono immediatamente disponibili”.
L’esito dell’incontro è stato molto soddisfacente, perché è stato verificato che i sistemi informativi dell’Ulss 4 sono già allineati con le specifiche richieste dal sistema informatico del Registro Tumori.
Già nelle prossime settimane l’Ulss 4 potrà traferire i dati relativi agli anni 2010, 2011 e 2012 che costituiranno la base per avviare il registro con retroattività dal 2013. A seguire saranno trasmessi i dati relativi agli anni 2013, 2014 e 2015, questi ultimi ricodificati secondo il nuovo sistema di codifica delle diagnosi di Anatomia Patologica adottato in ambito regionale.
Il Registro Tumori del Veneto, con l’acquisizione della popolazione residente nell’Ulss 4, si consolida come uno dei più estesi d’Europa in base alla popolazione servita. L’azienda potrà ricevere dal Registro i tassi di incidenza per patologia tumorali specifici per il territorio di competenza, e potrà effettuare confronti con altri territori valutando i trend temporali di incidenza.
Nell’incontro è stato trattato anche il problema delle verifiche di qualità che comporta la trasmissione di ulteriori documenti presenti negli archivi informatici dell’Ulss 4, nel rispetto delle indicazioni fornite al Registro Tumori dal Garante per la Privacy.
Le tappe tecniche sono state tracciate ed il processo avviato. La pubblicazione dei risultati comporterà, al di là degli automatismi informatici, una notevole mole di lavoro sia da parte dell’Ulss 4 che da parte del Registro Tumori, per soddisfare i requisiti di qualità ed accuratezza previsti dal sistema di accreditamento internazionale dei Registri Tumori. I primi dati saranno disponibili nei tempi tecnici necessari.

www.altovicentinonline.it

lunedì 27 luglio 2015

rifiuti in via chiarelle a piovene feb 2015
Sono 1.006 le firme raccolte finora per fare a Schio e ai Comuni limitrofi un’esplicita ‘Richiesta di Analisi Ambientali del Territorio Comunale’.
La petizione è stata presentata nei giorni scorsi all’Ufficio Protocollo del Comune di Schio dai gruppi cittadini promotori dell’iniziativa: Movimento 5 Stelle Schio, Avr (Alto Vicentino Ricicla), Comitato Genitori Preoccupati, Fare Schio, Noi Cittadini con Valter Orsi e Singoli Cittadini.
La Petizione, che rientra nell’operazione territoriale ‘#chicista’, vede coinvolti al raggiungimento dello stesso scopo molteplici soggetti in diversi Comuni dell’Altovicentino.
Al momento sono state raccolte 1006 firme, con lo scopo di sensibilizzare le amministrazioni dell’Alto vicentino su un tema considerato di fondamentale importanza: la qualità ambientale del territorio su scala generalizzata.
“Si chiede di porre rimedio all’attuale inattività dell’Osservatorio sui Rifiuti – recita la petizione – e sulla  gestione complessiva dei rifiuti all’interno della società partecipata Ava che ne ha il controllo. Tale gestione al momento non risulta garantita a seguito della fusione tra Ava e Greta, società che si occupano di rifiuti perseguendo scopi e ruoli che si prestano ad essere spesso in palese contrapposizione”.
La distinzione tra le due funzioni era stata chiesta a gran voce da 21 Sindaci nel documento FullSizeRender (1)
che portò alla fusione delle due società.
“Vogliamo porre l’accento sulla grande trasversalità che ha unito diversi gruppi cittadini nell’affrontare lo stesso tema – spiega la petizione – e che si è espansa ad altre realtà comunali come Marano Vicentino, Thiene, San Vito di Leguzzano, Santorso, Zanè e Caltrano, Comuni nei quali la raccolta è promossa da ulteriori gruppi attivi localmente in campo sociale, ambientale e politico o da singoli cittadini sensibili alla causa. Si comunica – conclude il documento – che in tali Comuni la raccolta firme sta tutt’ora proseguendo”.
                                                    
www.altovicentinoline.it